COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA'

Responsabile del procedimento: Arch. Gianmaria Barbieri
  • Unità:Sportello Unico Edilizia
Cos'è:
L'articolo 6, 2° comma, del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. prevede che attraverso la Comunicazione di Inizio Attività, possano essere eseguiti senza alcun titolo edilizio i seguenti interventi:
  • gli interventi di manutenzione straordinaria definiti all'art. 3, comma 1, lett. b) del D.P.R. 380/2001; 
  • le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingentie temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni; 
  • le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, anche per aree di sosta, che siano contenute entro l'indicedi permeabilità, ove stabilito dallo strumento urbanistico comunale, ivi compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta delle acque, locali tombati; 
  • i pannelli solari, fotovoltaici, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori della zona A) di cui al decreto del Ministro dei Lavori Pubblici 2 aprile 1968, n. 1444; 
  • le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredo delle saree pertinenziali degli edifici;
  • le modifiche interne di carattere edilizio sulla superficie coperta dei fabbricati adibiti ad esercizio d'impresa, ovvero le modifiche della destinazione d'uso dei locali adibiti ad esercizio d'impresa; Sono parimenti eseguibili attraverso la Comunicazione di Inizio Attività, gli interventi di seguito elencato, così individuati dall'articolo 46 dle vigente Regolamento Edilizio Comunale:
  • Recinzione delle aree e/o dei fondi di proprietà realizzate con l’impianto di siepi, l’apposizione di staccionate in legno o di rete metallica e paletti infissi al suolo, anche con fondazioni non continue e completamente interrate, aventi dimensioni adeguate, secondo esperienza e ragionevolezza, all’adempimento della loro funzione; 
  • Installazione di barbecue di altezza inferiore a mt. 1,80;
  • Installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, privi di copertura e aperti ai lati che non siano utilizzati come depositi, magazzini e simili, e di elementi di arredo di aree ed edifici non computabili in termini di superficie e volume. Rientrano in tale definizione i berceau, ed i gazebo, nei limiti di cui al 3° comma dell'articolo 89 del Regolamento Edilizio;
  • Mutamento della destinazione d’uso delle singole unità immobiliari eseguito senza opere edilizie strutturali e che non comporti la corresponsione di un contributo concessorio (calcolato sulla differenza tra la nuova e la vecchia destinazione d’uso) o la variazione da una ad un’altra delle funzioni d’uso definite dall'articolo 21 del Regolamento Edilizio;
  • Installazione di tende e tendoni comprensivi di supporti metallici ancorati alle pareti o non stabilmente infissi al suolo, non chiusi lateralmente;

A chi è destinato:
tutti i soggetti proprietari o in possesso di altro diritto reale di godimento, interessati ad esegiure gli interventi di edilizia libera sopra elencati

Modalità di Attivazione:
A Domanda

Come si richiede:
Mediante il deposito della Comunicazione di Inizio Attività edilizia redatta sull'apposito modello (MSUE_001) reperibile sul sito internet del Comune di Quarto d'Altino.
Per i soli interventi previsti dalle lett. a) ed e-bis) del 2° comma, del sopra richiamato articolo 6 del D.P.R. 380/2001, la Comunicazione di Inizio Attività dovrà essere accompagnata dai dati identificativi dell'impresa alla quale si intende affidare la realizzazione dei lavori e da una Relazione Tecnica Asseverata da professionista abilitato, redatta sull'apposito modello <> reperibile sempre sul sito internet del Comune di Quarto d'Altino.
Per gli interventi previsti alla lett. e-bis) del 2° comma, del sopra richiamato articolo 6 del D.P.R. 380/2001, dovranno infine essere allegate le dichiarazioni di conformità rilasciata dall'Agenzia per le imprese sai sensi art. 38, comma 3, lett. c), del D.L. 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, relative alla sussistenza dei requisiti e dei presupposti di cui al presente comma.
La Comunicazione di Inizio Attività unitamente alla documentazione a corredo sopra elencata, andranno depositate:
  • Allo Sportello Unico per l'Edilizia, nei giorni ed orari di apertura sotto indicati, per tutti gli interventi di edilizia residenziale o comunque non rientranti nelle competenze dello Sportello Unico per le Attività Produttive di cui al D.P.R. 160/2010 e s.m.i.; 
    • A partire dal 1 giugno 2014: 
    • Le pratiche edilizie di C.I.A. potranno essere presentate unicamente on-line e la presentazione di documentazione cartacea non sarà più presa in considerazione; 
    • Le C.I.A. non asseverate potranno essere trasmesse sia telematicamente che in forma cartacea. 
  • Allo Sportello Unico per le Attività Produttive, esclusivamente per via telematica all'indirizzo PEC: comune.quartodaltino.ve@pecveneto.it, per tutti gli interventi riguardanti l'edilizia produttiva di cui al D.P.R. 160/2010 e s.m.i.;
Tempi:
La Comunicazione di Inizio Attività edilizia non è sottoposta a termini di efficiacia e/o decadenza.

Spese a carico dell'utente:
Per gli interventi di attività libera soggetti a Comunicazione di Inizio Attività non sono dovuti diritti di segreteria.

Dove rivolgersi:
Sportello Unico Edilizia
Piazza S. Michele, 1 - Piano terra del Padiglione Servizi Tecnici e Sala Consiliare
orari : Martedì 10.00/12.30 - Giovedì 10.00/12.30 - 16.00/18.00
tel. 0422 826231 - Fax. 0422 826241 - E-mail: ediliziaprivata@comunequartodaltino.it 

Riferimenti legislativi (Normativa):
D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 e ss.mm.ii., articolo 6; Regolamento Edilizio Comunale, articoli 22 e 46;
torna all'inizio del contenuto