La grande Guerra

Documenti ed immagini della Grande Guerra a cura dello Storico Sergio Sbalchiero.

In occasione del Centenario della Prima Guerra mondiale, l’Amministrazione comunale di Quarto d’Altino intende doverosamente ricordare non soltanto i cittadini altinati caduti o dispersi nel corso della Grande Guerra, ma anche tutti i militari di nazionalità diverse che furono sepolti tra il 1917 e il 1918 nei cimiteri di guerra di quella che allora era la municipalità di San Michele del Quarto e nella vicina località di Gaggio di Marcon. Il territorio altinate fu per lunghi mesi nelle immediate retrovie del fronte del Piave. I feriti e gli ammalati si lasciarono alle spalle le fangose trincee delle prime linee per raggiungere il centro di smistamento di Ca’ Corner a Portegrandi (dove ebbero sede la 79a e la 74asezione chirurgica di sanità), l’ospedaletto da campo 067 di Trepalade o la sede della 5a ambulanza chirurgica in località Poian di San Liberale di Marcon. Purtroppo molti di loro, nonostante le cure, non sopravvissero e rimasero sepolti nei due cimiteri di guerra allestiti nella campagna altinate fino alla metà degli anni venti del secolo scorso, quando la maggior parte delle salme venne trasferita nei grandi sacrari militari monumentali di Fagarè e Udine. Questo piccolo contributo intende dare il giusto risalto alla memoria di questi uomini, di qualunque nazione essi siano, nella convinzione che, come scrisse Rudyard Kipling citando un passo della Bibbia:

“Il loro nome vive per sempre”.

Sergio Sbalchiero, Quarto d’Altino – maggio 2015



I caduti della Grande Guerra nel territorio altinate

torna all'inizio del contenuto