FARE IMPRESA

Le attività per l'avvio di un'impresa sono molteplici e dipendono dal settore in cui si intende operare.
Il primo passo (lo "start up") per iniziare è rappresentato dalla definizione di un business plan, cioè un piano strategico d'impresa delle attività da svolgere e dei costi da sostenere. In questo modo si può avere una chiara visione della fattibilità del proprio progetto.

Per la redazione del business plan è necessario conoscere il settore in cui si intende operare, così come i competitors (cioè i concorrenti, diretti o indiretti), il mercato di riferimento e i target (cioè a chi si intende proporre il bene o servizio prodotto).

Alcuni siti istituzionali nazionali:

  • Portale delle Camere di Commercio d'Italia Nella sezione "Fare impresa" si trovano utili e dettagliate indicazioni su come orientarsi nella creazione e nella gestione di un'impresa.
  • Pmifinance Un precorso guidato per redigere il proprio piano d’impresa (accessibile previa registrazione).
  • Creaimpresa Progetto della Cna - Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa offre molti utili suggerimenti pratici su come iniziare un'attività individuale o in società, redigere il piano d'impresa (ovvero il business plan), orientarsi negli adempimenti burocratici e su come organizzarsi nella gestione di questi aspetti dell'attività.
  • Unioncamere L'unione italiana delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura.
  • Registro Imprese Portale che consente di avere informazioni sulle imprese italiane ed europee, sui loro soci ed amministratori.
  • Starnet Portale delle ricerche statistico economiche di Unioncamere;
  • Isfol Ente di ricerca per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori del Ministero del Lavoro, che analizza i "fabbisogni professionali" cioè la necessità o meno sul territorio nazionale di determinate figure professionali.


Alcuni siti istituzionali locali:

MUOVERE I PRIMI PASSI

Una volta definito il business plan, per aprire un'impresa sono sempre necessarie una dichiarazione alla Agenzia delle Entrate e l'iscrizione al Registro delle Imprese.
Le procedure e la documentazione richiesta variano a seconda della forma legale scelta per l'impresa e, a seconda del tipo di attività, possono essere necessari permessi e abilitazioni preventive.
Dall'1 aprile 2010 è stata istituita la "Comunicazione unica d'impresa", procedura telematica che consente, con un'unica operazione, di assolvere tutti gli adempimenti amministrativi, fiscali, previdenziali ed assicurativi necessari all'avvio di un'attività imprenditoriale e quelli da effettuare successivamente in caso di modifiche o cancellazione dell’impresa.
In questo modo si assolvono agli obblighi di legge verso le Camere di Commercio, l'Inps, l'Inail e l'Agenzia delle Entrate.
Per svolgere la procedura è necessario collegarsi al sito www.registroimprese.it e seguire le indicazioni online.
Per facilitare le comunicazioni tra impresa e pubblica amministrazione, allo scopo di rendere le relazioni e i procedimenti, tra tutti i soggetti e gli enti interessati, più efficienti, chiari e meno costosi è stato istituito il portale Impresainungiorno.gov.it, il servizio telematico nazionale che ottempera alla riforma amministrativa.
 

Domande & Risposte (F.A.Q.) per le attività produttive

torna all'inizio del contenuto